Dott. Claudio CIACCO

Specializzazioni e Visite Specialistiche:

  • Specialista in Malattie dell’Apparato Respiratorio;
  • Specialista in Medicina del Lavoro.

Attività e Prestazioni presso il centro:

  • Fisiopatologia respiratoria;
  • Diagnosi e trattamento delle principali malattie dell’apparato respiratorio;
  • Diagnosi e trattamento dei disturbi respiratori durante il sonno;
  • Monitoraggio cardiorespiratorio notturno completo;
  • Spirometria.

Dott. Claudio Ciacco

www.docvadis.it/claudiociacco/index.html

MONITORAGGIO CARDIORESPIRATORIO COMPLETO NOTTURNO

POLISONNOGRAFIA

Il monitoraggio cardiorespiratorio completo notturno domiciliare (chiamato comunemente e imprecisamente polisonnografia), è indicato per la diagnosi dei disturbi respiratori nel sonno.

Il disturbo più frequente è la Sindrome delle Apnee Ostruttive nel sonno (OSAS) che colpisce, secondo le attuali stime dal 3 al 6  per cento della popolazione, maggiormente i maschi (si stima che sia una patologia in sensibile aumento!).

Si tratta di soggetti russatori, che di notte hanno episodi di apnea (sospensione del respiro),  riferiti dal partner, il cui sonno è disturbato e che spesso si spaventa nel vedere moglie o marito non respirare o avere dei sussulti durante il sonno con sensazione di soffocamento. Frequentemente sono soggetti obesi, dichiarano una eccessiva sonnolenza diurna,  colpi di sonno alla guida dell’automobile, addormentamento durante la giornata in momenti di pausa (leggendo il giornale, ad una conferenza, in sala d’attesa ecc.) Al risveglio lamentano spesso cefalea, scadente qualità del sonno definito come “sonno non, o poco ristoratore”, secchezza delle fauci ecc.

Il soggetto affetto da OSAS presenta un aumentato rischio di eventi cardiovascolari e cerebrali acuti (infarto soprattutto notturno, Ictus), ipertensione arteriosa poco controllata, incidenti stradali e lavorativi (soprattutto per coloro che per lavoro trascorrono molto tempo alla guida).

Il monitoraggio cardiorespiratorio è un esame che si esegue al domicilio del soggetto, per una notte, e permette di rilevare la presenza di apnee, la loro natura e gravità e le ripercussioni sul livello di ossigenazione del sangue.
E’ un esame non invasivo, il soggetto dovrà dormire per una notte, nel suo letto, indossando due fasce elastiche e alcuni sensori, che non compromettono la possibilità di un sonno regolare.
I vari sensori e fasce vengono montati presso lo studio  medico nel tardo pomeriggio, e  sarà il paziente a rimuoverli al mattino successivo per riconsegnarli allo studio, secondo le indicazioni fornite.
Il referto sarà disponibile dopo pochi giorni.

L’esame non serve per i problemi di insonnia, di difficoltà di addormentamento, di incubi,  ma esclusivamente per diagnosticare i disturbi respiratori durante il sonno, in particolare le apnee, secondo le indicazioni descritte in precedenza.

Gli specialisti maggiormente interessati a richiedere l’esame sono:
Dietologo, Cardiologo, Neurologo, Otorino, Internista-endocrinologo.
Anche il medico di medicina generale può richiedere l’esame con consulenza specialistica.

Approfondimenti